Rovine di Castiglione e Capodacqua - 17/04/2019

Palombara Sabina

Dalla SS636 (km 16,700) per Moricone si gira a destra in via del Castiglione, seguendo i segnavia bianco-rossi. Il sentiero n. 318 segue la ripida strada in salita e, tenendo la destra, prosegue oltre le ultime abitazioni per un lungo rettilineo, al termine del quale si allontana dall'asfalto. Dopo un breve tratto di salita fra la vegetazione arbustiva, si giunge a un bivio: a sinistra si va verso il castrum di Castiglione, a destra si prosegue sul sentiero per il Pratone. La breve sterrata che sale alle suggestive rovine di Castiglione e il sito dell'insediamento medioevale (476 m) sono circondati da una fitta macchia mediterranea con alberi di leccio, roverella e acero minore e arbusti di siliquastro, lentisco, Stirax officinale, mirto e cisto rosso. 

Dal bivio, la sterrata di destra prosegue per un lungo tratto tra le macere (muretti a secco) che dividono i terrazzamenti a ulivi. Il sentiero attraversa poi un bosco misto di roverelle e carpini fino ad arrivare alle rovine del vecchio Molino di Casoli (2 h), parzialmente ricoperto dalla vegetazione. Dal vecchio molino si continua a salire inoltrandosi in un bosco più fitto e con alti fusti, scorgendo lungo il tracciato alcune piccole sorgenti e costeggiando per un tratto una parete in roccia calcarea massiccia. Dopo circa 3h si arriva alle opere di presa delle sorgenti di Capodacqua (800 m) e lungo l'omonimo fosso si possono ammirare le acque che scorrono e formano piccole cascate. 

Il ritorno è avvenuto sullo stesso percorso dell’andata.

Giornata molto bella con temperatura gradevole e assenza di vento. Estese fioriture di Albero di Giuda, Anemone dell’Appennino e ciclamino.

Traccia GPS

Profilo alt.

Video di Roby

Video di Giorgio R.

PARTECIPANTI